50 anni più tardi va ancora forte

Brema festeggia i suoi "50 anni di movimentazione container in Germania"

Il 5 Maggio 1966 è una data storica: l'alba dell'era del trasporto container in Germania. 50 anni fa in questa data, la prima nave container dedicata è stata scaricato al Überseehafen di Brema dalla Bremer Lagerhaus-Gesellschaft (oggi BLG Logistics). Da allora, la containerizzazione ha continuato a rivoluzionare il commercio globale e i trasporti, ed anche contribuito a permettere alla Germania di diventare una potenza nell’esportazione. L'idea era tanto semplice quanto rivoluzionaria: della merce imballata in una scatola d'acciaio standard poteva essere trasferito in qualsiasi modalità di trasporto in tutto il mondo. La standardizzazione dei processi ha accelerato la catena del trasporto globale e reso possibile la globalizzazione. In Germania, la Bremer Lagerhaus-Gesellschaft è stata la pioniera di questo processo. Sebbene molti operatori del settore marittimo e dei trasporti hanno visto inizialmente la nuova scatola di acciaio con scetticismo, il management di BLG ha colto il potenziale sin da subito. Nel corso del tempo, il pioniere è diventato uno dei più grandi gestori indipendenti di terminal container di tutto il mondo, il Gruppo EUROGATE. EUROGATE è stata fondata nel 1999 come joint venture tra le divisioni container di BLG Logistics, con base Brema e Amburgo, ed Eurokai, ed è oggi attiva in undici porti marittimi in Germania e in Europa, tra cui Wilhelmshaven, unico porto tedesco in acque profonde. Mentre il business dei cargo container cresceva, la movimentazione dei container fu trasferita da Brema a Bremerhaven. Oggi, Bremerhaven è il quarto più grande porto per container d'Europa. Fino ad oggi oltre 100 milioni di container standard (TEU) sono stati movimentati al suon interno. Con il patrocinio di Martin Günthner, il senatore di Brema dell'Economia, del Lavoro e dei Porti, BLG Logistics ed EUROGATE celebreranno questo storico evento "50 anni di Container Handling in Germania" il 4 maggio 2016 presso il Forum BLG, a Brema. Questo anniversario si svolge con il sostegno anche da parte dalla società di gestione dei porti di Brema e di altre aziende.

Frank Dreeke, CEO di BLG Logistics: "Sebbene questa nuova modalità di trasporto fu accolta con evidente scetticismo praticamente da parte di tutti i porti marittimi e spedizionieri europei, la BREMER LAGERHAUS-GESELLSCHAFT ha fornito l'impulso decisivo per il lancio del trasporto dei container in Germania. E' stata una decisione coraggiosa: a quel tempo, nessuno avrebbe potuto prevedere come il traffico di container si sarebbe sviluppato. E' stato uno sforzo pionieristico nel vero senso della parola. Mi ricordo che quando avevo solo sei anni, tenendo la mano di mia madre mentre visitavamo lo spazio movimentazione tra i capannoni 16 e 18 presso Überseehafen di Brema per guardare i primi 100 contenitori che venivano scaricati sul suolo di Brema. Mio padre ha lavorato come responsabile operativo presso la BREMER LAGERHAUS-GESELLSCHAFT e gestì i preparativi per la prima nave container".

Il container ISO standard viene chiamato "unità equivalente a venti piedi", o TEU, e misura 20'(lunghezza) x 8' (larghezza) x 8'6 "(altezza). Il primo container scaricato sul suolo tedesco nel 1966 era un po' più lungo rispetto ad un contenitore standard odierno e misurava 35' (lunghezza) x 8 '(larghezza). La MS Fairland della compagnia di navigazione statunitense Sea-Land-Service Inc. di New Jersey li trasportò fino al Überseehafen di Brema. La MS Fairland era una nave da carico convenzionale che era stata trasformata in una nave container e poteva trasportare 226 container. Apparteneva a Malcom McLean, il "padre della containerizzazione", che inventò la scatola di trasporto di acciaio negli Stati Uniti nel 1956, dieci anni prima del suo arrivo in Germania.

Emanuel Schiffer, CEO del Gruppo EUROGATE: "Il contenitore ha rivoluzionato le rotte commerciali e di trasporto a livello mondiale. Oggi, i grandi terminal container sono gli hub centrali dei flussi di merci. Allora come oggi, stiamo affrontando le stesse sfide: l'adattamento della struttura portuale agli sviluppi delle dimensioni delle navi e la tendenza verso alleanze tra spedizionieri ci costringono a cercare continuamente nuove strade. Questo è ciò che ha portato alla formazione di EUROGATE nel 1999. Oggi, operiamo presso i terminal a Bremerhaven, Wilhelmshaven ed Amburgo, così come in Italia, Portogallo, Marocco e Russia. E a breve anche a Cipro. I porti e la movimentazione di container hanno un significato fondamentale per la forza economica della Germania e dell'Europa. La crescita economica è possibile solo con il funzionamento senza intoppi delle catene di trasporto e di logistica".

A causa della containerizzazione, le navi porta-container sono ora delle navi mercantili in grado di trasportare i maggiori volumi di carico in tutto il mondo nel modo più ecologico ed economico. Le principali rotte di navigazione conducono dal Nord Europa verso l'Asia. Considerando che la prima nave container dedicata negli Stati Uniti è riuscita a caricare solo 58 scatole d'acciaio nel 1956, la più grande nave container oggi è in grado di trasportare più di 19.000 TEU. I cantieri navali stanno già costruendo navi con capacità di trasporto fino a 21.000 TEU. La capacità di trasporto si è moltiplicata per ben 328 volte in soli 60 anni dopo l'invenzione del contenitore!

I porti della Germania, e Bremerhaven in particolare, hanno tenuto il passo con lo sviluppo in termini di dimensioni nave nel corso degli ultimi 50 anni attraverso un processo di continua espansione. Bremerhaven, inizialmente un progetto “greenfield”, è stato successivamente ampliato dall'ex BREMER LAGERHAUS-Gesellschaft, poi Eurogate, e lo Stato di Brema per diventare il quarto più grande porto container d'Europa. Il Senato di Brema era determinato nel dare una chance al trasporto standardizzato di container. Mentre i numeri dei contenitori aumentava, un'infrastruttura separata doveva essere creata per poterli gestire. Nel febbraio del 1968, a Bremerhaven iniziarono i lavori per la costruzione di una banchina container lunga 700 metri; a seguito del completamento della più recente fase di espansione CT4, è lunga quasi 5 chilometri – la più lunga d’Europa, con pieno spazio per le navi mercantili lunghe fino a 400 metri che collegano il porto con il resto del mondo.

"Quando i primi container sono stati scaricati presso l’Überseehafen di Brema 50 anni fa, gli scettici scossero la testa", racconta Robert Howe, Direttore Tecnico della società di gestione del porto. "Ma la critica ben presto si spense. Dato che il contenitore aveva già cominciato a trionfare, e così facendo ha rivoluzionato il mondo dei trasporti."

Horst Rehberg, Amministratore Delegato di bremenports, ritiene che è stato il contenitore che ha reso la globalizzazione possibile in primo luogo. "Tutto d'un tratto, le industrie non avevano più necessità di produrre vicino ai loro mercati. Potevano trasferirsi all'estero e approfittare di bassi costi di produzione e di trasporto. Allo stesso tempo, paesi come il Giappone, la Corea del Sud e la Cina hanno costruito potenti economie di esportazione e guidando il boom del commercio internazionale".

Non solo Bremerhaven, ma anche gli altri porti, hanno beneficiato dalla crescita del mercato dei container. Sin dalla sua fondazione, il Gruppo EUROGATE, che gestisce terminal container di Amburgo e Wilhelmshaven così come Bremerhaven, ha investito un totale di € 1,4 miliardi nei porti della Germania. Oggi, EUROGATE impiega 4.347 persone in Germania e 7.739 a livello internazionale.

 

Celebrazione dell’anniversario per i “50 Anni di movimentazione container in Germania”

Per l'evento del 4 maggio 2016, BLG Logistics ed EUROGATE hanno invitato diverse centinaia di rappresentanti della politica, delle imprese e delle organizzazioni civiche al BLG Forum di Brema per celebrare il successo del contenitore nei porti di Brema e in Germania. "Stiamo celebrando in realtà due storie di successo", osserva con grande soddisfazione Martin Günthner, senatore di Brema per l'Economia e i Porti. "Una è la storia del contenitore, che 50 anni fa era elemento rivoluzionario e senza il quale la logistica di oggi è inconcepibile. L'altra è relativa allo sviluppo dei porti di Brema, che era, e rimane, elemento innovativo".

Per gli ospiti è previsto un programma serale di intrattenimento con una tavola rotonda, musica e comicità con "Nagelritz" il marinaio che canta, unitamente alla presentazione del premio per il contenitore più attraente del 50° anniversario. Il senatore Martin Günthner ha invitato le aziende di Brema a competere in questo concorso decorando artisticamente un container da 20 piedi con il motto "50 anni di contenitori nella Città Stato di Brema". Sarà presentato nel corso della celebrazione dell’anniversario, e sarà quindi inviato in tour come un contenitore di trasporto vero e proprio per rappresentare Brema in tutto il mondo. Il vincitore potrà donare il premio di 2.000,00 € in beneficienza a sua scelta. Anche BLG ed Eurogate partecipano alla competizione. Sponsor principale dell’evento è la società di gestione dei porti di Brema.

Oltre a bremenports, altre aziende stanno sostenendo questo anniversario, tra cui: CHS Container Handel, Container-Service Friedrich Tiemann & Sohn, EKB CONTAINER LOGISTIK, ELA Container, G C D Glomb Container Dienst, SCHERZO Event AG e Willenbrock Fördertechnik.

.

L’arrivo della “MS FAIRLAND” il 5 Maggio 1966 al Überseehafen di Brema.

Consiglia questo comunicato

Condividi questo comunicato nei social network: